Protesi totali di anca mini invasive

La displasia di anca, le lussazioni croniche irriducibili, l’ artrosi post traumatica e le fratture del collo del femore sono tutte patologie che richiedono, preferibilmente, la sostituzione dell’ articolazione con una protesi totale di anca.

 

Le prime protesi totali di anca utilizzate, in campo veterinario, venivano fissate con il cemento da ossa sia sulla coppa acetabolare che sul perno femorale; 

la tendenza attuale è rivolta all’ inserimento chirugico di protesi che si fissino in modo alternativo, le cosiddette non cementate, per evitarne quanto più possibile la mobilizzazione, dopo un certo periodo d’ uso.

Le protesi non cementate sfruttano l’ osteointegrazione del materiale protesico, biocompatibile, da parte dell’ organismo.

Le tradizionali protesi canine non cementate hanno inerenti problemi che sono: la potenziale rottura della diafisi prossimale del femore durante l’ inserimento del perno e la difficilissima possibilità di revisione del perno stesso, in caso di necessità, con il modello che utilizza le viti.

Lo scopo è quello di eliminare i problemi citati precedentemente e di utilizzare una chirurgia meno invasiva, infatti non è più necessario fresare la diafisi femorale, perchè il perno femorale viene inserito in un foro di pochi millimetri praticato nel collo del femore e diretto distalmente ripetto al grande trocantere.

Studi dimamometrici da sforzo hanno dimostrato che il perno ha la stessa resistenza del collo femorale in un cane normale.

Le superfici dell’ impianto destinate al contatto con l’ osso sono tutte ruvide, facilitando sia la loro osteointegrazione che la loro fissazione.

Il profilo autifilettante sia del perno che della coppa permettono infine anche una solida fissazione dell’ impianto. 

Materiale TiAl6V4/Ti/ISO 5832-3.

Ricapitolando:

-     Minor resezione di tessuto osseo, preserva                     quanto più materiale biologico possibile

-     Ancoraggio robusto all’ osso

-     Ridotti tempi di anestesia (analgesia peridurale)

-     Dolore post operatorio limitato al massimo, veloce           recupero (vedi filmato)           

-     Guarigione ed osteointegrazione veloce

-     Forze biomeccaniche articolari preservate

-     Possibilità di revisione semplice in caso di                       necessità

Sistema ideato da Volker Hach DVM, Francoforte sul Meno (Germania)