Profilassi

Prognosi

Trattamento

Sintomatologia

Cioccolato causa di avvelenamento

Non lasciare dolci alla portata dei propri animali domestici.

Riservata nelle prima 48 ore.

Il cioccolato contiene le metilxantine (teobromina) tossiche per i nostri carnivori, la dose letale di cioccolato fondente è pari a 15-30 gr/kg peso vivo, di ciccolato al latte 100-gr/kg peso vivo.

Gravi intossicazioni si hanno con l’ ingestione di un terzo della dose letale: in pratica una tavoletta di 200 gr in un cane di 10 kg è molto pericolosa.

La diagnosi, non essendo i sintomi patognomonici si basa sull’ anamesi o sul rinvenimento di cioccolata nel vomito.

Tempo di latenza dall’ ingestione fino a 4-5 ore: Vomito, agitazione, tremori, atassia, convulsioni, tachicardia, aritmia cardiaca, ptialismo, coliche, diarrea, tachipnea, poliuria ed incontinenza urinaria.

La morte sopraggiunge nel giro di 6-24 ore per collasso cardiocircolatorio dopo l’ instaurarsi del coma.

 

Se ingestione da poco, provocare subito il vomito, lavanda gastrica.

In caso di interessamento del sistema nervoso anticonvulsivanti (diazepam o barbiturici), antiaritmici o lidocaina se alterazioni del ritmo cardiaco o tachicardia ventricolare.

Somministrazione di carbone per diminuire l’ assorbimento intestinale delle metilxantine.