Le Riniti

Di Silvia guida

Le riniti sono delle infiammazioni della mucosa nasale con essudazione.

Possono avere un decorso acuto e cronico.

Eziologia

Rinite Acuta

Rinite Cronica

Lo scolo nasale può andare dal mucoso, al purulento fino all’emorragico.

Lo stridore respiratorio è persistente, l’animale starnutisce frequentemente.

In caso di rinite cronica da neoplasia il paziente può presentare deformazione della faccia, palato ed esoftalmo(occhi sporgenti).

TERAPIA

La terapia si basa sull’utilizzo di antibiotici in corso di infezioni primarie o secondarie e cortisonici(meglio non eccedere nel dosaggio ed evitare terapie prolungate a causa dell’effetto immunodepressivo che possono dare terapie protratte con questa tipologia di farmaci).

È sempre utile il supporto dell’aerosolterapia e dei decongestionanti.

In caso di riniti da corpi estranei (come neoplasie) si rende necessario un intervento chirurgico per eliminare la causa.

Cause primarie possono essere impianti di agenti patogeni favoriti da fattori predisponenti come basse temperature e immunodepressione.

Gli agenti virali più comuni nel cane possono essere: virus del Cimurro , virus parainfluenzali e adenovirus.

Gli agenti virali più comuni nel gatto possono essere: calici virus, herpes virus responsabili della rinotracheite felina.

I batteri difficilmente sono responsabili primari della rinite ma possono esserne più frequentemente una complicanza. Fra i batteri troviamo le clamidie, micoplasmi e bordetella bronchiseptica.

Altri fattori che possono portare all’insorgenza di riniti sono:

-Miceti

-Allergeni

-Corpi Estranei

-Neoplasie(carcinomi, sarcomi, linfomi, polipi nasofaringei)

È caratterizzata da febbre( soprattutto nelle forme infettive), anoressia (dovuta alla febbre e all’alterazione dell’olfatto), scolo nasale, starnuti e stridori respiratori.

L’animale tende a scuotere la testa, presenta congiuntivite e scolo nasale e sono apprezzabili erosioni, ulcere e croste intorno alle narici.

TERAPIA

Spesso le forme sono blande e autolimitanti e può essere utile solo una terapia di supporto basata sulla rimozione dell’essudato da muso e narici per ridurre l’ostruzione e una Aerosolterapia con soluzione fisiologica per umidificare la parte e facilitare la respirazione.

In caso di persistenza della forma patologica si possono usare decongestionanti come fenilefrina e oxymetazolina spray; antibiotici per le forme batteriche come ampicillina e amoxicillina+acido clavulanico.

In corso di riniti allergiche è fondamentale individuare l’agente scatenante, eliminarlo e somministrare antistaminici.