Mastocitoma Labiale

ania, una femmina incrocio di 5 anni, viene portata alla visita per un gonfiore nel labbro destro superiore.

Caso Clinico

Mastocitoma labiale

l mastocitoma cutaneo rappresenta  fino al 27% dei tumori cutanei maligni. Si sviluppa a tutte le età, ma maggiormente oltre gli 8,5 anni; si sviluppa dal derma e dal sottocute.

I mastociti del tumore producono istamina ed eparina, quindi possono indurre ulcerazioni gastrointestinali, essendo l’ istamina uno stimolante dei recettori della parete gastrica H2, oltre che un anticoagulante.

Il mastocitoma metastatizza per via linfo-ematogena ed infiltra i tessuti adiacenti.

La terapia primaria è l’ escissione chirurgica; il cortisone (prednisone-solone) è l’unica alternativa medica.

l mastocitoma è un tumore cattivo e va asportato con una certa sollecitudine lasciando un discreto margine di tessuto sano

Il cane viene anestetizzato per via inalatoria ed operato nel giro di pochi giorni

Esame citologico che evidenzia la presenza del tumore

Aspetto del tumore, brava la proprietaria ad accorgersi di quel gonfiore ed a portarlo subito per approfondimenti diagnostici

Tania è pronta per l’ intervento

Aspetto al termine dell’ intervento; obbligatorio il collare di elisabetta per prevenire l’ autolesionismo sulla ferita, l’ antibiotico postoperatorio e l’ antidolorifico per almeno una settimana.

Chiusura del flap e della ferita

Il labbro con il tumore viene asportato

Si incide la cute del labbro, il piano muscolare e la mucosa orale.

Tania al controllo dei 10 giorni per la rimozione dei punti di sutura.

Essendo il frammento di tessuto abbastanza grande, non è consentito suturare direttamente, ma si prepara un flap cutaneo, portando in avanti del tessuto.